Chiudi

I BENI DELL’ORDINE DI MALTA IN SARDEGNA NEL 1715: IL CABREO MELITENSE DI FRA PAOLO BINDO PERUZZI

Ricerche A.R.S.O.M. 2017

Di Massimo Rassu, Emanuele Melis

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
I BENI DELL’ORDINE DI MALTA IN SARDEGNA NEL 1715: IL CABREO MELITENSE DI FRA PAOLO BINDO PERUZZI
Novità
eBook
ISBN
978-88-7356-969-5
Co-edizione
-
Genere
Saggistica
Materia
Storia (compresa archeologia e preistoria), biografie, araldica
Collana
Quaderni
Anno edizione
2019
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
eBook
Pagine
0
Rilegatura
-
Dimensioni
-
Peso
-
N° volumi
0
Illustrato
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

3,99 €

Alla fine del suo mandato pluridecennale, nel 1715 il nobile fiorentino e cavaliere di Malta, fra Paolo Bindo Peruzzi, commissionava la re­dazione di un inventario dei beni dell’Ordine in Sardegna. Il documento inedito, conservato nell’Archivio di Stato di Torino, registra tutte le proprietà della sua Commenda di San Leonardo di Siete Fuentes (Santu Lussurgiu) agli inizi del Settecento, estese anche agli abitati di Simaxis, Nurachi, Cuglieri, Tresnuraghes, Scano Monti­ferro, Bosa e Romana. L’assenza di un’ammini­strazione attenta aveva portato alla perdita di parte del patrimonio terriero e soprattutto alla decadenza di alcune antiche chiese, ormai ridotte a ruderi. La vicenda si incunea all’epoca della breve occupazione austriaca dell’isola (1708-1717), e alla vigilia della successiva dominazione sabauda.
L’Associazione Ricerche Storiche sugli Ordini Militari (A.R.S.O.M.) nasce a Cagliari nel 2006 su iniziativa di cultori di studi medievali, per la ricerca e la tutela del retaggio artistico e monumentale della Età di Mezzo in Italia e in Europa, legato alle Crociate e ai pellegrinaggi, con particolare attenzione verso i Cavalieri Templari.
Massimo Rassu

Massimo Rassu (1964-)

Ingegnere civile, libero professionista. Ha pubblicato diversi saggi e articoli di Urbanistica e di Storia dell´Architettura della Sardegna. È noto anche per gli studi sugli Ordini Cavallereschi presenti nell´Isola in età medioevale: Ipotesi sui Templari in Sardegna (1996), L´Ordine di Malta in Sardegna (1996), Pellegrini e Templari in Sardegna (1997). Tra le altre pubblicazioni: Oristano, la città della Sartiglia (1996); Villasalto, l´ambiente, la storia, la miniera (1997) e Pozzomaggiore, l´ambiente, la storia, l´arte (1999). Per l´Aipsa Edizioni ha pubblicato il volume Baluardi di pietra. Storia delle fortificazioni di Cagliari (2003)