Chiudi

S´arte e sos laribiancos

littera a Tziu Frantziscu

Di Sebastiano Murgia

A cura di Natalino Piras

Introduzione di Natalino Piras

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
S´arte e sos laribiancos
ISBN
978-88-7356-027-2
Co-edizione
-
Genere
Narrativa
Materia
Testi letterari moderni e contemporanei: romanzi, racconti, diari ed epistolari
Collana
Paberiles n° 14
Anno edizione
2008
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
Cartaceo
Pagine
160
Rilegatura
Brossura con lembi e cucitura filo refe
Dimensioni
12 x 17 cm
Peso
180 g
N° volumi
1
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Sardo
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

8,00 €

L´autore, un valente artigiano, pittore e musicista nuorese, racconta la sua città attraverso storielle, episodi e aneddoti che egli ha vissuto in prima persona.
L´autore, un valente artigiano, pittore e musicista nuorese, racconta la sua città attraverso storielle, episodi e aneddoti che egli ha vissuto in prima persona. Nella Presentazione Natalino Piras scrive: «Bi crediat Bustianu in custu libru, li cheriat bene. Gai comente n´a´ cherfitu a tottu sas pessones, friguras e pessonazzos chi bi sono. Poveros e laribiancos su prus, chi dana vita a quadros mannos e minores in d´una Nugoro chi est de pustis sa gherra, sa sicunna mondiale, comente de semprere: un´eternitate.»

´Custu de Bustianu est ´Il giorno del giudizio´ de sos Pòveros de Nugoro.´ (Frantziscu Masala)