Chiudi

Dionigi Burranca

Un musicista sardo del Novecento

Di Associazione culturale "Sonus de canna"

A cura di Antonio Leoni

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Dionigi Burranca
Novità
ISBN
978-88-7356-380-8
Co-edizione
-
Genere
Varie
Materia
Etnografia, usi e costumi, folclore e tradizioni popolari
Collana
Aìnas
Anno edizione
2021
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
Cartaceo
Pagine
496
Rilegatura
Brossura con lembi e cucitura filo refe
Dimensioni
17 x 24 cm
Peso
-
N° volumi
1
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

30,00 €

Disìgiu ‘e libertadi (Ballu de càntidu)

S´andada ‘e is ispagnolus de Sardigna

Si torrat u´ pagheddu ‘e libertadi

Si rendit sa persona ancora digna

S´antiga nosta sarda germendadi

Su sonu de sa mùsica nostrana

Nci brintat de su coru in su profundu

Ddu baddat finas genti chen´ ‘e gana

Ca invaghit totu cantus in su mundu

Torreus totu cantus a su ‘raxi

Pregheus totu unius poi is nostus mannus

Torreus a bistiri is nostus pannus

Torreus armoniosus totu in paxi

D. Burranca

Le vicende umane, e soprattutto artistiche, di un importante protagonista della musica sarda del Novecento, Dionigi Burranca (1913-1995), raccontate attraverso materiali eterogenei: il suo racconto autobiografico, i suoi scritti, gli incontri con importanti studiosi, le sue attività artistiche e didattiche, le testimonianze di quanti hanno avuto modo di incontrarlo e conoscerlo. Il volume è arricchito da preziosi contributi di studiosi e musicisti che propongono riflessioni e analisi sulla produzione musicale del maestro. Completano il tutto un ampio corredo fotografico e 26 tracce musicali inedite, fruibili attraverso QR-CODE.

Antonio Leoni (noto come Tonino), nato a Samatzai nel 1959, residente a Monserrato, è stato tra i soci fondatori, assieme a D. Burranca, dell´Associazione culturale “Sonus de Canna”.Ha pubblicato, per le edizioni Nuove Grafiche Puddu, i volumi: “Sa Storia Nosta – Samatzai: storia di un´antica comunità” nel 2003; “Su Logu Nostu – Samatzai e il suo territorio” nel 2004. Nel 2008, per le edizioni Condaghes, assieme agli altri soci di “Sonus de Canna”, ha curato la realizzazione del volume: “Is Sonus – Faidùra e impàru de is sonus de canna (Costruzione e apprendimento delle launeddas). Nel 2010 ha curato, assieme ad altri autori, il volume “Sa roba tèssia – La collezione del giudice Cocco”, a cura di Colette Podda, pubblicato per conto dell´Unione dei Comuni del Basso Campidano (Villasor, San Sperate, Monastir, Ussana, Nuraminis, Samatzai). Dal 2016 è tra i redattori di “Cuntzertus, Annuariu de is launeddas” a cura di “Assòtziu Launeddas Sardìnnia”, un nuovo grande organismo costituitosi recentemente che vede associati 90 suonatori e 12 associazioni affiliate, tra quelle che storicamente si sono sempre occupate di launeddas, tra le quali anche “Sonus de Canna”.