Chiudi

Antiquitates ex agro ad Sextum lapidem

vent´anni di studi e ricerche sul territorio di Sestu con l´Associazione archeologica ´Sextum´

Di Antonello V. Greco

Introduzione di Maria Rosaria Manunza

Prefazione di Luciano Carta

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram

Vent´anni di ricerche archeologiche a Sestu

Antiquitates ex agro ad Sextum lapidem
ISBN
978-88-7356-284-9
Co-edizione
-
Genere
Saggistica
Materia
Storia (compresa archeologia e preistoria), biografie, araldica
Collana
Archèos
Anno edizione
2016
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
Cartaceo
Pagine
128
Rilegatura
Brossura con lembi e cucitura filo refe
Dimensioni
17 x 24 cm
Peso
345 g
N° volumi
1
Illustrato
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

15,00 €

Valerius, Crisippiana, Diophantus, Felix, forse Restituta hanno vissuto, lavorato, operato, costruito affetti familiari, pregato le loro divinità e conosciuto la loro ultima dimora nel territorio di Sestu circa diciotto secoli fa, ai tempi dell´Impero romano, al pari degli innumerevoli e per noi purtroppo anonimi individui che qui hanno vissuto dai tempi preistorici a quelli medievali, in stretta connessione con le comunità urbane e rurali circostanti, lasciando testimonianza e memoria di sé attraverso simboli incisi su pietra o terracotta. L´epigrafia e l´archeologia, con i loro metodi di indagine storica basati su testimonianze intrinsecamente dirette, aiutano a ricostruire significative vicende umane e culturali di chi ci ha preceduto in questo territorio, densamente antropizzato, spesso maltrattato ma ancora custode di tracce di antiche civiltà, ricche di interesse e dal prezioso valore identitario.
Quando venti anni fa, nel 1996, si decise di istituzionalizzare a Sestu l´interesse per le antichità e l´archeologia da parte di un gruppo di appassionati locali, sembrava un azzardo. Infatti, in un territorio come quello sardo caratterizzato, anche dal punto di vista paesaggistico e identitario, da eclatanti e remote manifestazioni megalitiche – nuraghi, tombe dei giganti e domus de janas in particolare – proprio le campagne sestesi evidenziavano l´assenza di simili antiche testimonianze.
Davanti a una simile tabula rasa a livello monumentale, furono la volontà e il desiderio di riscatto a portare alla creazione dell´Associazione Culturale Archeologica ´Sextum´, abbinati all´amore per il territorio locale e alla reazione civica nei confronti degli scempi che esso ha conosciuto e, purtroppo, continua a conoscere. In venti anni di associazionismo sono cambiati diversi protagonisti, non sono mancati momenti di difficoltà, oscillazioni di entusiasmo, ma rilevanti obiettivi sono stati raggiunti. Alcuni di essi meritano di essere ricordati: la costante e preziosa collaborazione con la competente Soprintendenza nel perseguire i comuni obiettivi di tutela e conservazione e ´l´emersione dal sommerso´ di significative testimonianze locali di cultura materiale risalenti a migliaia di anni fa. Rimane un ulteriore, impegnativo obiettivo, irraggiungibile senza il concreto supporto amministrativo: istituire in loco una degna e stabile struttura espositiva per le numerose testimonianze archeologiche recuperate; un luogo, reale e ideale al contempo, per custodire e tramandare alle generazioni future la memoria storica e l´identità locale.
Questo volume, sorta di ´diario di bordo´ tematico di un percorso ventennale, vuole idealmente contribuire anche a questo scopo.
Antonello V. Greco

Antonello V. Greco (1971-)

Antonello V. Greco (Cagliari, 1971), dottore di ricerca in "Il Mediterraneo in età classica: storia e culture e specialista in archeologia classica", insegna Lettere negli Istituti superiori. Autore di saggi su numerose tematiche di ambito storico-archeologico, specialmente concernenti aspetti di continuità culturale dal periodo punico a quello romano - nonché, più in generale, tra gli ambiti semitico e classico -, è convinto sostenitore dell´interdisciplinarità, e, attraverso l´insegnamento, dell´importanza di coniugare ricerca e divulgazione; in ambito locale presiede dal 1996 l´Associazione Archeologica Sextum di Sestu (CA).

Notizie correlate

Leggi gli articoli che parlano di questo titolo

"Antiquitates ex agro ad Sextum lapidem" su SardegnaUno

Mercoledì 30 ottobre, Antonello Greco presenta Antiquitates ex agro ad Sextum lapidem. Vent'anni di studi e ricerche...

 30 ottobre 2019 Eventi

Sestu: presentazione "Antiquitates ex agro ad Sextum...

Sabato 19 gennaio 2019 - ore 16:30 Casa Ofelia Via Parrocchia, 88 Sestu (CA) Presentazione del libro Antiquitates ex agro ad...

 19 gennaio 2019 News