Serra

Stirare sinché posso

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Stirare sinché posso
ISBN
978-88-86229-42-5
Co-editzione
-
Genia
Narrativa
Matèria
Testos literàrios modernos e cuntemporàneos: romanzos, contos, diàrios e epistolàrios
Collana
Narrativa tascabile n° 1
Annu editzione
1998
Logu editzione
Cagliari
Formadu
Pabìru
Pàginas
176
Rilegadura
Brossura e cosidura a filu refe
Mannesa
11 x 17 cm
Pesu
155 g
N° volumi
1
Figuradu
No
Limba de publicatzione
Italianu
Limba originale
-
Testu a fronte
-
Incruidu
-
Iscolàsticu
No
Disponibilidade
In cumèrciu
Distributzione

8,26 €

Quattro storie su dubbi urbani, tra confini dell´uomo e fatti che accadono nella quotidianità.
Quattro storie su dubbi urbani, tra confini dell´uomo e fatti che accadono: circostanze e quotidianità vissute come norma che delega alla cronaca la sofferenza e anestetizza l´espiazione e i suoi riti; lo stupro, il sogno che ripercorre una memoria possibile e svela un presente subìto; la ricerca dell´indipendenza, la circolarità del tempo e l´attribuzione dei ruoli; un´altra indagine incompiuta del dottor Rapallo come ipotesi della pluralità dell´io.
Ruggero Roggio

Ruggero Roggio

Ruggero Roggio è nato a Sassari nel 1954. Attualmente abita a Sorso dove lavora come bibliotecario comunale.
Stirare sinché posso è il suo secondo libro dopo Sisifo e lo scarabeo pubblicato nel 1993. Un suo racconto è stato pubblicato nella raccolta Il vuoto arioso del mondo, mentre sue collaborazioni sono apparse su Soglialibro, Società sarda, Intraprendere e La Nuova Sardegna.