Serra

Su pianeta ´e Supramonte

Cantadas in sardu

De Peppino Marotto

Presentatzione de Paolo - Sassu Pillonca

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Su pianeta ´e Supramonte
ISBN
978-88-7356-140-8
Co-editzione
-
Genia
Poesia
Matèria
Testos literàrios modernos e cuntemporàneos: poesia e teatru
Collana
Arcale n° 2
Annu editzione
2009
Logu editzione
Cagliari
Formadu
Pabìru
Pàginas
190
Rilegadura
Brossura e incolladu
Mannesa
15 x 21 cm
Pesu
280 g
N° volumi
1
Figuradu
No
Limba de publicatzione
Sardu
Limba originale
-
Testu a fronte
Italianu
Incruidu
-
Iscolàsticu
No
Disponibilidade
In cumèrciu
Distributzione

15,00 €

Le poesie qui raccolte tracciano un percorso attraverso la vita e gli ideali di questo moderno cantastorie.
La poesia di Peppino Marotto nasce dalla gente, dalle campagne e dal paese di Orgosolo e proprio dall´antico canto, a tenore o a poesia, viene la migliore ispirazione dei versi di Peppino Marotto: un dono della natura, come un terreno ricco e senza pietre, fresco ma al contempo soleggiato, capace di produrre prelibate leccornie se solo lo si riesce a maneggiare come egli riesce a fare.
Le poesie qui raccolte tracciano un percorso attraverso la vita e gli ideali di questo moderno cantastorie. Completano il volume una presentazione di Paolo Pillonca, un contributo di Pietro Sassu e delle note biografiche di Giuseppe Fiori e un´intervista di Tonino Cau.
Peppino Marotto

Peppino Marotto (1925-2008)

Peppinu Marotto est nàschidu in Orgosolo in su 1925. Sa vida sua est andada paris cun sos fatos prus de importu de s´istòria de sos urtimos chimbant´ annos. Pro sas ideas suas a pitzu de sa giustitzia sociale e pro essere issu abetiosu di est tocadu a fàghere presone e cunfinu. At cantadu in sas pratzas de sa Sardigna e de su mundu pro fàghere a connòschere ideas de emancipatzione e libertade. Fintzas a pagu in antis de si che mòrrere Peppinu Marotto at derramadu s´impignu suo in s´atzionismu sindacale e po batire in bidda sua una Camera del Lavoro.