Close

Rituali scolastici

By Augusto Secchi

Afterword by Gianfranco Zola

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Rituali scolastici
ISBN
978-88-7356-096-8
Co-publishing
-
Genre
Children
Subject
Modern and contemporary literature: novels, short stories, diaries and letters
Series
Il Trenino Verde n° 29
Publishing year
2007
Publishing place
Cagliari
Media
Paper
Pages
108
Binding
Stitched paperback binding
Dimensions
12 x 20 cm
Weight
135 g
N° of volumes
1
Illustrations
Yes
Publication language
Italian
Original language
-
Parallel text
-
Appendix
-
School book
No
Availability
On sale
Distribution
Yes

8,00 €

Proprio come accade per il teatro i personaggi di questo racconto, prima d´entrare in scena, indossano una maschera. E proprio come in una commedia, la sorpresa è nel finale…
Come il prof, dopo aver massacrato per trent´anni la vitalità dei suoi alunni, scopre d´averne nostalgia. Come la prof di matematica viene accecata da un aeroplanino di carta, antico e poetico rituale che continua a sopravvivere nonostante la devastante concorrenza del telefonino. Come il bidello Attilio si meraviglia di quell´arnese, chiamato scopa, del quale ignorava l´esistenza. Come il pluriripetente Efisio, equilibrista improbabile, utilizza la sedia con i braccioli del prof. Come l´alunno, che sognava di emulare le gesta di Gianfranco Zola, scopre, mentre manovra una betoniera, che la scuola non è orrenda come lui se l´aveva dipinta.
Proprio come accade per il teatro i personaggi di questo racconto, prima d´entrare in scena, indossano una maschera. E proprio come in una commedia, la sorpresa è nel finale…
Augusto Secchi

Augusto Secchi

Augusto Secchi è nato a Siniscola, dove vive e lavora. È laureato al Dams di Bologna con una tesi sul percorso artistico e umano di Vincent Van Gogh.
Al suo ritorno in Sardegna ha pubblicato il saggio minimalista Il raccontatore di balle (Bartleby lo scrivano, 1996); I colori dell´assenza (Frilli Editori, 2004); I reduci del ´60 (Bartleby lo scrivano, 2006); Rituali scolastici (Condaghes, 2007).
Nel 2001 ha vinto il Premio Gramsci con il racconto "Il suo nome uguale identico". L´anno successivo ha vinto il Premio Città di Cagliari con il racconto "Mi chiamo Antine e amo il mare".