Serra

Vicolo Rosso

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Vicolo Rosso
eBook
ISBN
978-88-7356-832-2
Co-editzione
-
Genia
Narrativa
Matèria
Testos literàrios modernos e cuntemporàneos: romanzos, contos, diàrios e epistolàrios
Collana
Narrativa ´I Dolmen´ n° 3
Annu editzione
2015
Logu editzione
Cagliari
Formadu
eBook
Pàginas
0
Rilegadura
-
Mannesa
-
Pesu
-
N° volumi
0
Figuradu
No
Limba de publicatzione
Italianu
Limba originale
-
Testu a fronte
-
Incruidu
-
Iscolàsticu
No
Disponibilidade
In cumèrciu
Distributzione

3,99 €

Da dove cominciare. Potrei iniziare parlandoti di Sergio, se vuoi. Parlarti delle lacerazioni in sezione quando abbiamo cambiato nome, le discussioni furibonde con gli apparati che scendevano in pompa magna da Roma, le lettere ai quotidiani dove argomentava il suo disappunto per quell´idea balorda di togliere la parola comunismo dal nome del partito, relegare in un angolo la falce e il martello e tutto quanto, rimpicciolire e rendere innocui gli imbarazzi della nostra storia, rimuoverli, intrupparci anche noi nell´Italia da bere e da esibire nelle passerelle delle sfilate di moda.
L´io narrante, Oreste, è ospite in una casa di cura. Attraverso il flusso della propria voce interiore riporta in superficie barlumi di ricordi, speranze, tenerezze inaspettate, sogni che la Storia ha dichiarato impraticabili e che lui, nonostante tutto, continua a rimpiangere. Oreste dà voce a numerosi personaggi che raccontano il declino delle loro esistenze bruciate dagli acidi e dalla delusione per un´occasione che gli uomini hanno perduto per cambiare il corso della Storia.
Nel romanzo c´è la Storia recente, vista dalla periferia, che si intreccia continuamente con la storia privata di Oreste: c´è Berlinguer in un indimenticato comizio con gli Inti-illimani e il figlio di Oreste, Evelino, improbabile rivoluzionario che indossa il costume sardo, e il basco, per protestare contro le basi Nato. C´è il Profeta, pronipote di Michele Schirru, e Giambo, insolito poeta, il cui cervello si è consumato in una mistura di droghe. C´è il Gulag e Oreste che, nelle processioni laiche di quegli anni arroventati, sventola una bandiera rossa con Stalin ´pintato´ di nero nelle vie del paese. C´è la svolta della Bolognina e Sergio, vero protagonista del romanzo, che in un leggendario discorso nella sezione di Vicolo Rosso espone le ragioni del suo doloroso dissenso.
Ogni personaggio è come se illuminasse da un particolare punto di vista la vita di Oreste, le sue debolezze, la sua semplicità continuamente calpestata da compagni più scaltri e avveduti, l´inesorabile discesa verso una lucida e candida follia.
Augusto Secchi

Augusto Secchi

Augusto Secchi è nato a Siniscola, dove vive e lavora. È laureato al Dams di Bologna con una tesi sul percorso artistico e umano di Vincent Van Gogh.
Al suo ritorno in Sardegna ha pubblicato il saggio minimalista Il raccontatore di balle (Bartleby lo scrivano, 1996); I colori dell´assenza (Frilli Editori, 2004); I reduci del ´60 (Bartleby lo scrivano, 2006); Rituali scolastici (Condaghes, 2007).
Nel 2001 ha vinto il Premio Gramsci con il racconto "Il suo nome uguale identico". L´anno successivo ha vinto il Premio Città di Cagliari con il racconto "Mi chiamo Antine e amo il mare".