Serra

Il sardo: una lingua "normale"

manuale per chi non ne sa nulla, non conosce la linguistica e vuole saperne di più o cambiare idea

De Giuseppe Corongiu

Introdutzione de Alessandro Mongili

Prefatzione de Giuseppe Corongiu

Postfatzione de Vito Biolchini

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Il sardo: una lingua
eBook
ISBN
978-88-7356-827-8
Co-editzione
-
Genia
Sagìstica
Matèria
Filologia e linguìstica
Collana
Aìnas n° 26
Annu editzione
2015
Logu editzione
Cagliari
Formadu
eBook
Pàginas
0
Rilegadura
-
Mannesa
-
Pesu
-
N° volumi
0
Figuradu
No
Limba de publicatzione
Italianu
Limba originale
-
Testu a fronte
-
Incruidu
-
Iscolàsticu
No
Disponibilidade
In cumèrciu
Distributzione

5,99 €

Ma esiste la lingua sarda? Che cos´è? Qual è la sua storia politica e qual è la sua identità sociale? Chi ha ragione nel dibattito che si trascina dagli anni Settanta in merito alla sua promozione e ufficializzazione? Ma si tratta di una vera lingua o di dialetti troppo diversi tra loro? È giusto unificarla? Quanti la parlano? E come?
Ma esiste la lingua sarda? Che cos´è? Qual è la sua storia politica e qual è la sua identità sociale? Chi ha ragione nel dibattito che si trascina dagli anni Settanta in merito alla sua promozione e ufficializzazione? Ma si tratta di una vera lingua o di dialetti troppo diversi tra loro? È giusto unificarla? Quanti la parlano? E come?
In questo libro si propone uno sguardo nuovo, appassionato, documentato e chiaro della situazione linguistica della Sardegna. Per troppo tempo si sono diffusi dei falsi luoghi comuni e delle idee convenzionali che hanno impedito una conoscenza scientifica, laica, democratica, seria, efficace ed equilibrata della lingua storica e degli altri idiomi che arricchiscono la Sardegna.
L´Autore mette il lettore in condizione di farsi un´idea in merito a pregiudizi e stereotipi, spesso di origine esterna, ma introiettati e poi diffusi dalle classi dirigenti alla società, che impediscono a tutt´oggi un pieno recupero della diversità linguistica isolana. Le cosiddette verità ´scientifiche´ dell´arcaicità del sardo, della sua presunta vicinanza al latino, della mutua incomprensibilità dei dialetti, della sua ´anomala´ frammentazione, della divisione convenzionale e forzata in logudorese e campidanese, dell´incapacità di produrre termini astratti o tecnici moderni, della sua ´genuinità´ popolare contrapposta all´artificiosità letteraria, dell´impossibilità di avere una letteratura e uno standard ortografico, sono analizzate e scandagliate con metodo razionale. Un´opera che cerca di demolire l´idea del sardo come lingua interessante solo per i glottologi: anomala, esotica, strana, divisa, grezza, socialmente indesiderabile, pericolosa per le istituzioni. Un lavoro che cerca di ridare al sardo la sua normalità di lingua amata e parlata dai sardi nel rispetto degli altri popoli.
Giuseppe Corongiu

Giuseppe Corongiu (1965-)

Giuseppe Coròngiu (connotu fintzas Peppe) est naschidu in su 1965 in Làconi. Pesadu e immanniadu in bidda sua s´est laureadu in Casteddu in Lìteras Modernas in su 1991. Est dirigente in ruolu de s´Amministratzione Pubblica, giornalista professionista, autore de trasmissiones televisivas e radiofònicas, iscritore, istudiosu de limbìstica e literadura sarda. At fundadu e diriget su Sotziu Limba Sarda paris cun Diariulimba, una revista digitale de informazione limbìstica. Dae sèmpere amparat sa limba e s´identidade natzionalitaria e s´est impignadu meda in argumentu de s´impreu de sa limba in campu giuridicu-amministrativu, de unificatzione e ufitzializatzione e de avaloramentu in sos mèdios de comunicazione. At iscritu, e iscriet a supriu, articulos e sàgios po giornales, revistas, publicatziones. Est rapresentante de sa minoria sarda in su Comitadu po sa Costitutzione de sa Consulta Istatale de sas Minorias Limbìsticas in su Ministèriu de Sos Afares Regionales. Su Ministèriu de sa Giustitzia l´at incarrigadu de traduere in sardu totu su còdighe de s´ordinamentu penitentziàriu. Est istadu su primu a iscriere atos pùbblicos bàlidos e a fàghere su cuncursu de dirigente in sardu a pustis de sa essida de sa lege 482/99. Est consulente de entes locales po chistiones de bilinguismu. At giradu su mundu, ma torrat a bidda sua sémpere, cando podet.