Chiudi

L´isola sacra

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
L´isola sacra
eBook
ISBN
978-88-7356-781-3
Co-edizione
-
Genere
Saggistica
Materia
Storia (compresa archeologia e preistoria), biografie, araldica
Collana
Archèos n° 2
Anno edizione
2021
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
eBook
Pagine
0
Rilegatura
-
Dimensioni
-
Peso
-
N° volumi
0
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

5,99 €

Possiamo ancora parlare dei nuraghi come roccaforti erette dalle bellicose popolazioni della Sardegna preistorica? Oppure è giunto il momento di dare un’interpretazione diversa dell’utilizzo cui erano destinate queste costruzioni megalitiche?
L’enorme quantità di informazioni e di dati scaturiti negli ultimi decenni da ricerche archeologiche sempre più puntuali, condotte per la gran parte da addetti ai lavori, ma anche da validi ricercatori indipendenti, hanno provocato un laceramento nel paradigma che definisce il nuraghe come una “fortezza”.
La sempre più frequente restituzione di contesti cultuali dall’interno e dall’esterno della struttura nuraghe ha indotto l’Autore verso l’analisi sistematica di tali risultati, inducendolo alla conclusione che il motivo fondante che spinse l’uomo nuragico a progettare e innalzare migliaia di strutture in tutta l’isola vada ricercato nell’ambito del sacro. Ne scaturisce un’ipotesi di utilizzo più orientata verso la sfera religiosa, cultuale e rituale anziché militare.

Inoltre, è riportata la recente rivelazione che presuppone la disposizione territoriale del “Santu Antine” di Torralba e dei nuraghi a esso limitrofi, distribuiti rispettando la posizione delle sette stelle principali dell’ammasso delle Pleiadi.
Quando le Pleiadi sorgono,
figlie di Atlante,
la mietitura comincia;
l’aratura al loro tramonto…
Questa è la legge dei campi,
sia per quelli che abitano
le pianure vicino ai campi
sia per quelli che abitano
le opime terre.
Esiodo “Le opere e i giorni”

Augusto Mulas

Augusto Mulas (1972-)

Originario di Ozieri (SS), vive a Sassari dove ha conseguito la laurea in Lettere classiche a indirizzo preistorico e protostorico, con una tesi sui rapporti tra la Sardegna nuragica e il Mediterraneo in età protostorica, partecipando contestualmente a numerose campagne di scavo in Sardegna e all´estero, tra cui quella tenutasi presso il villaggio nuragico di Sant´Imbenia ad Alghero (SS) e nel villaggio-santuario in località Abini, nel comune di Teti (NU). Ha pubblicato il volume L´isola sacra: ipotesi sull´utilizzo cultuale dei nuraghi (Condaghes, 2012).

Bibliografia

L´isola sacra: ipotesi sull´utilizzo cultuale dei nuraghi, Condaghes, Cagliari 2012.