Chiudi

La forma e la mente

Opere su carta di Vincenzo Satta

Di Maria Dolores Picciau, Claudio Cerritelli, Vincenzo Satta

Illustrazioni di Vincenzo Satta

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram

La sublime espressività del colore

La forma e la mente
Novità
ISBN
978-88-7356-351-8
Co-edizione
-
Genere
Arte
Materia
Arti figurative e fotografia
Collana
Sinnos n° 4
Anno edizione
2019
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
Cartaceo
Pagine
120
Rilegatura
Brossura con lembi e cucitura filo refe
Dimensioni
22 x 22 cm
Peso
540 g
N° volumi
1
Illustrato
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

25,00 €

Il volume è diviso in tre sezioni: gli Arcana Mentis, dove l´itinerario sperimenta la natura indeterminata ed entropica del mondo; il Logos e il Dasein, dove si sperimenta che non v´è più salvezza nel naufragio del mondo; e infine i Labirinti: qui l´Ordo Mundi celebra una teologia dell´assenza, e il labirinto è ormai l´unica forma in cui può specchiarsi la nuova psicomachia neuroscientifica.

La forma e la mente è una moderna Odissea neuroscientifica, è un viaggio nell'Anima attraverso la mente, è un´esperienza dipanata nella forma degli arcipelaghi perché il mondo ha perduto le rassicuranti certezze del vecchio ordine teologico.

La nuova Odissea farà a mano dell´approdo sicuro di Itaca, e la mente troverà il suo romanzo di formazione in un eterno peregrinare nelle forme cangianti e insicure di un mondo dove l´entropia è la nuova forma dell´assoluto.

Il volume, interamente a colori, contiene la riproduzione di 58 opere dell'Artista.
Diritti disponibili per tutte le lingue.
  • Scheda editoriale "La forma e la mente"

    Scheda informativa sulla pubblicazione di Maria Dolores Picciau "La forma e la mente: opere su carta di Vincenzo Satta".

    Edizioni Condaghes, Documento Adobe Acrobat PDF: 1490 Kb - 11/05/2020

Maria Dolores Picciau

Maria Dolores Picciau

Maria Dolores Picciau, storica dell´arte e operatrice culturale nel settore delle arti e della valorizzazione delle culture locali, si occupa di arte moderna e contemporanea e di ricerche sull´identità culturale. Giornalista pubblicista, ha lavorato a lungo come speaker radiofonica e ha collaborato per alcune TV private e riviste specializzate. E´ collaboratrice fissa dei Quaderni bolotanesi e scrive per diversi quotidiani, tra cui L´Unione Sarda. Ha tra l´altro pubblicato: La donna allo specchio. Riflessioni metodologiche sull´identità femminile, Sassari 1995; La storia sommersa. Saggi di teoria dell´arte, Cagliari 1998; C´arte d´autore, Cagliari 2001; La memoria e l´immaginario, Cagliari 2003; Alle soglie del disincanto. Identità culturale nella Sardegna del Novecento, Cagliari 2004.

Claudio Cerritelli

Claudio Cerritelli

Claudio Cerritelli (1953) si è laureato in Storia dell’Arte Moderna presso l’Università di Bologna dove si è perfezionato in Storia dell’Arte Contemporanea. Dal 1986 è titolare di una Cattedra di Storia dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, dove vive e lavora. Critico militante, promuove la ricerca delle nuove generazioni di artisti, è autore di monografie sull'opera di artisti contemporanei, inoltre come storico dell’arte organizza rassegne storiche in spazi pubblici e privati.

Vincenzo Satta

Vincenzo Satta

Vincenzo Satta (Nuoro, 1937). Nel 1961 si diploma all'Istituto d’Arte di Sassari con insegnanti come Stanis Dessy e Vico Mossa. Successivamente si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Bologna dove segue i corsi di Pompilio Mandelli e Paolo Manaresi. Molte sue opere si trovano in collezioni pubbliche come la GAM di Torino, il MAN di Nuoro, il MAMbo di Bologna, il Museo MAGA di Gallarate, il MAR di Ravenna, il Museo MAGI ’900 di Pieve di Cento, la Collezione Intesa San Paolo di Milano, il IT Museo di Villa Croce di Genova, il MART di Trento e Rovereto, il VAF-Stiftung di Francoforte, la Neue Galerie am Landeemuseum Joanneum di Graz e l’European Central Bank a Francoforte, per citarne solo alcuni. Vive e lavora a Bologna.