Chiudi

Il tesoro del diavolo

Valientes de Cerdeña - Libro Primo

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Il tesoro del diavolo
Novità
ISBN
978-88-7356-346-4
Co-edizione
-
Genere
Narrativa
Materia
Testi letterari moderni e contemporanei: libri di avventura e libri gialli, fantasy
Collana
Narrativa ´I Dolmen´
Anno edizione
2019
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
Cartaceo
Pagine
224
Rilegatura
Copertina rigida e cucitura filo refe con sovraccoperta
Dimensioni
15 x 21 cm
Peso
480 g
N° volumi
0
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
Di prossima pubblicazione
Distribuzione
No

19,00 €

A seguito della riconquista di Tunisi da parte delle truppe ottomane nel 1574, la pressione turca nel Mar Mediterraneo aumentò ulteriormente, e il Regno di Sardegna divenne allora un avamposto contro l'espansione islamica, assumendo la dimensione simbolica di frontiera tra i paesi cristiani e quelli musulmani. Alla fine del Cinquecento le torri erette sul mare erano ben 82.

Nel Seicento la Sardegna era parte integrante dell'Impero spagnolo e ne seguiva in quel momento il declino. Sin dal secolo precedente, i reiterati conflitti con le altre potenze europee, a cui si aggiungevano le incursioni barbaresche, costrinsero la Sardegna a uno sforzo militare continuo.

Il romanzo è il primo di una trilogia di ambientazione storica intitolata "Valientes de Cerdeña".

Regno di Sardegna, 1645. Il sergente Rodrigo Diaz,valoroso reduce dei cruenti campi di battaglia della Guerra dei Trent'anni, viene investito del titolo di alcaide della torre di Su Sdiroccu, sulla costa nord-orientale della Sardegna. Un incarico che si prospetta come la serena conclusione di una lunga carriera militare si rivelerà ben presto tutt'altro che tranquillo. Affiancato dall'abile Elias – un proprietario terriero del vicino villaggio deciso a vendicarsi di imperdonabili torti subiti nel passato – e da una compagnia di valientes, il sergente scatenerà una caccia senza quartiere a un misterioso personaggio pronto a tutto per difendere ambigui interessi che vanno oltre i confini dell’Isola. Tra incursioni barbaresche e scorribande di briganti, il travolgente gruppo di combattenti seguirà da un capo all'altro della Sardegna le tracce di un enigmatico tesoro, trasformandosi in una leggendaria banda di fratelli d’arme.
La torre di Su Sdiroccu (in lingua sarda ‘luogo impervio, scosceso’) e la sua prode guarnigione sono immaginari, ma incarnano fedelmente gli scenari e i caratteri dell’epoca in cui è ambientata la narrazione.
Diritti disponibili in tutte le lingue.
Carlo Bessolo

Carlo Bessolo (1960-)

Carlo Bessolo nasce a Cagliari, ove vive nell'antico quartiere di Castello e lavora come medico odontoiatra. Fanatico bibliofilo, appassionato sin dalla culla di Storia militare, collezionista di soldatini di piombo e di armi antiche e moderne di ogni sorta, dopo diversi studi sulle guerre dei Trent'anni, di Successione Spagnola e dei Sette Anni, ha deciso di convogliare parte delle sue conoscenze ed esperienze in una serie di romanzi a sfondo storico incentrati sulle avventure di un gruppo formato da nobili sardi e da soldati spagnoli di stanza nella Sardegna del XVII secolo. Il tesoro del diavolo è il suo primo romanzo.