Serra

A viva voce

storie da Nuoro

De Sandro Lecca

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
A viva voce
ISBN
978-88-7356-259-7
Co-editzione
-
Genia
Narrativa
Matèria
Testos literàrios modernos e cuntemporàneos: romanzos, contos, diàrios e epistolàrios
Collana
Pósidos n° 34
Annu editzione
2015
Logu editzione
Cagliari
Formadu
Pabìru
Pàginas
240
Rilegadura
Brossura cun alas e cosidura filu refe
Mannesa
15 x 21 cm
Pesu
375 g
N° volumi
1
Figuradu
No
Limba de publicatzione
Italianu
Limba originale
-
Testu a fronte
-
Incruidu
-
Iscolàsticu
No
Disponibilidade
In cumèrciu
Distributzione

18,00 €

Ci sono tanti libri che parlano di Nuoro, della sua storia, delle sue tradizioni, dei suoi uomini e delle sue donne illustri, dei suoi sapori, dei suoi paesaggi. Mancava però un libro come questo che parlasse di Nuoro attraverso le voci dirette e i racconti di vita vissuta dei suoi cittadini. Un libro nuovo e necessario, quindi, che possiamo considerare come l´opera collettiva di una piccola, ma significativa, comunità di nuoresi narratori.
Le voci raccolte sono quelle di donne e uomini appassionati, creativi, competenti, impegnati. Una polifonia di voci e di visioni, di memorie e di desideri, in cui risuona e prende forma il complesso e sfaccettato mosaico nuorese. Voci di persone che nutrono un profondo sentimento di appartenenza a Nuoro, che potremmo senza esitazione definire amore. Un amore fatto anche di tante ferite aperte, recenti o di lunga durata, di delusioni e arrabbiature, di smarrimenti e depressioni, ma alla fine sempre amore: amore nonostante tutto.
Nel libro sono contenute le interviste a: Franca Marchi Satta, Franco Stefano Ruiu, Elio Moncelsi, Maria Teresa Pinna Catte, Giancarlo Porcu, Tonino Cugusi, Gigi Murru, Renato Brotzu, Luciana Lapia, Domenico Ruiu, Lina Lomuscio, Marcello Fois, Maria Marinella Serra, Silvia Saba, Antonello Delogu, Agostino Cicalò, Ignazio Caredda, Giovanna Marras, Alessandro Murgia, Franco Salvatore Delrio, Nina Catte, Marina Moncelsi, Stefano Francesco Maria Mannironi, Adina Farcut.