Serra

Literadura, polìtica e economia in tempos de dipendèntzia

(Letteratura, politica ed economia in tempi di dpiendenza)

De et al., Giorgio Diobaldi

A incuru de Sòtziu de sos Sardos

Figuras de Salvatore E. Masala

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Literadura, polìtica e economia in tempos de dipendèntzia
ISBN
978-88-7356-195-8
Co-editzione
-
Genia
Àteru
Matèria
-
Collana
Quaderni n° 3
Annu editzione
2012
Logu editzione
Cagliari
Formadu
Pabìru
Pàginas
128
Rilegadura
Brossura cun alas e cosidura filu refe
Mannesa
17 x 24 cm
Pesu
250 g
N° volumi
1
Figuradu
Limba de publicatzione
Italianu, Sardu
Limba originale
-
Testu a fronte
-
Incruidu
-
Iscolàsticu
No
Disponibilidade
In cumèrciu
Distributzione

10,00 €

Camineras Numero 3 - Maggio 2012.
In questo numero, per dare un avvio al dibattito, sul volume sono pubblicate due lettere (una di Giorgio Diobaldi e l´altra di Roberto Bolognesi) che, seguendo la discussione dei mesi scorsi, hanno posto una serie di interrogativi sul significato di ´letteratura´ e, a ben vedere, anche sull´identità sarda. Gli interventi di Paola Alcioni, scrittrice e intellettuale bilingue, e di Francesco Cheratzu, editore, fanno il punto sulla situazione della letteratura in lingua sarda e del mercato editoriale in Sardegna. Seguono una ´intrevista´ di Maria Vittoria Migaleddu alla poetessa Antonella Anedda che ha voluto cimentarsi con la poesia in lingua sarda e una presentazione di Loredana Rosenkranz della rivisitazione teatrale del dramma di García Lorca ´Bodas de sangre´ curata da Marcello Fois per la regia di Serena Sinigaglia.
La seconda parte parla del ruolo degli intellettuali in Sardegna con un articolo di Antonio Buluggiu e un´analisi di Federico Francioni sull´indipendentismo. Si chiude con gli interventi di Lorenzo Bona e Salvo Zedda sul colonialismo economico che traggono spunto dal libro ´Nel paese dei Moratti´ di Giorgio Meletti.

I collaboratori di questo numero sono: Giorgio Diobaldi; Roberto Bolognesi; Paola Alcioni; Francesco Cheratzu; Loredana Rosenkranz; Lorenzo Bona; Salvo Zedda; Salvatore E. Masala (fotografie).