Chiudi

PIM, PAM, CLOWN

Sa gherra de is bufus

Di Tomás Afán Muñoz

Traduzione a cura di Giacomo Littera

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
PIM, PAM, CLOWN
eBook
ISBN
978-88-7356-894-0
Co-edizione
-
Genere
Ragazzi
Materia
Testi letterari moderni e contemporanei: poesie e teatro
Collana
Inscena n° 10
Anno edizione
2015
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
eBook
Pagine
0
Rilegatura
-
Dimensioni
-
Peso
-
N° volumi
0
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Sardo
Lingua originale
Spagnolo
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

1,49 €

Pim, Pam, Clown. La guerra dei pagliacci (testo bilingue italiano/sardo) è un dramma teatrale destinato a un pubblico giovane, che sviluppa le caratteristiche principali del clown: l´ingenuità, la sbruffonaggine, la curiosità, lo stupore... A partire da questi caratteri, il testo intreccia un discorso intorno alla guerra che, sempre accompagnato da umore e un certo surrealismo, fa perno sulle tremende dosi di assurdità che stanno sempre dietro a qualunque scontro armato. Così, presenta personaggi tanto paradossali quanto: il clown che ama tanto le bandiere che sarebbe capace di morire per la sua e perfino per quella del nemico, o il generale clown che cerca di convincere due pagliaccetti pacifisti del fatto che la guerra sia un gioco molto divertente e quasi per niente pericoloso, nonostante ci sia gente un po´ disattenta che va e sbatte sulle pallottole, o gente tonta che va e si mette proprio nei posti in cui cadranno le bombe. Insomma, un catalogo di insensatezze belliche che, attraverso l´umore, intende inneggiare alla tolleranza e alla soluzione pacifica dei conflitti, con il conforto necessario in questi inquietanti tempi armati.
Est unu testu po unu pùblicu giòvunu, chi ponit in pro is mellus calidadis de is bufus: s’innotzèntzia, su tzarrosìmini, sa curiosidadi, su spantu… Comentzendi de custas calidadis, su testu tessit unu arrexonamentu a giru a giru de sa gherra chi, sèmpiri acumpangiau de spìritu e de unu tantixeddu de surrealismu, s’acotzat a s’assurdidadi manna chi s’agatat sèmpiri apalas de ita si bolit chi siat cèrtidu armau. Diaici, presentat personàgius paradossalis meda che: su bufu chi stimat aici meda is banderas chi iat a essi capassu de si morri no sceti po cussa cosa sua, ma fintzas po sa de su nemigu, o su generali bufu chi bolit cunvinci a duus bufixeddus pacifistas ca sa gherra est unu giogu spassiosu e giai po nudda perigulosu, mancai nci siat genti sbentiada chi andat e nci scudit asuba a is ballas, o genti tontatza chi andat e si ponit pròpiu pròpiu aundi nd’ant a arrui is bombas. Est a nai, unu catàlogu de cosas sene sentidu asuba de sa gherra chi, gràtzias a su spìritu, bolit intzidai a sa tolleràntzia e a ponni paxi po arresolvi is cèrtidus, cun su cunsolu chi serbit in custus tempus armaus chi fait a timi.