Chiudi

Tutto e niente

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Tutto e niente
eBook
ISBN
978-88-7356-858-2
Co-edizione
-
Genere
Narrativa
Materia
Testi letterari moderni e contemporanei: romanzi, racconti, diari ed epistolari
Collana
Narrativa tascabile
Anno edizione
2015
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
eBook
Pagine
0
Rilegatura
-
Dimensioni
-
Peso
-
N° volumi
1
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

2,99 €

La vita è una barzelletta tragica o patetica che si conclude sempre con la morte del protagonista. Se nella vita si ha fortuna, si riesce a volere delle cose e, con ancora più fortuna, a ottenerle in parte. Ma non si sa mai perché si vuole ciò che si vuole, né se siamo noi a volerlo oppure la società in cui siamo immersi.
Un giovane giornalista in cerca di successo vuole intervistare un guaritore, che tutti affermano aver salvato un famoso attore dal cancro, per smascherarlo come ciarlatano.
I due non si incontreranno mai, se non per alcuni minuti, ma non riusciranno a parlarsi direttamente.
Il giovane vuole di più dalla vita, mentre l´altro racconta al registratore che avrebbe voluto avere molto di meno dalla sua e, alla fine, di esserci forse riuscito.
L´uomo si è rifugiato in una comunità dopo aver cercato di sfuggire per tutta la vita alla sua condanna: la dote di Priapo. Quel ´difetto fisico´ fece naufragare il suo matrimonio e da allora fugge dal suo paese, bigotto e morbosamente curioso, in cerca di una ´vita normale´.
Quando crede di averla finalmente raggiunta, un imprevisto gli sconvolge nuovamente l´esistenza e decide di ritirarsi dalla società. Ma neanche nel suo nascondiglio riesce a sfuggire alla sua eccezionalità.
Dio non sa più guidarci, o forse non esiste più, e la Storia non porta da nessuna parte, anzi, la Storia è inesistente. Esistono le storie, le storie che raccontiamo. Queste storie sono solo dei tentativi di dare un senso a quell´insieme di avvenimenti, in fondo scollegati tra loro, che chiamiamo ´la vita´.
Un romanzo è solo una di queste storie. Allora, se già è difficile dare un senso alla vita, figuriamoci se ha senso dare un senso a un romanzo.
Roberto Bolognesi

Roberto Bolognesi (1952-)

Roberto Bolognesi è nato a Villamassargia (CA) nel 1952. Nel 1992 si laurea in Lingua e Letteratura italiana all´Università di Amsterdam. Nel 1993 viene assunto dal NWO (il CNR olandese) per condurre una ricerca sulla fonologia del sardo meridionale, che si conclude con la pubblicazione di The Phonology of Campidanian Sardinian, Den Haag (1998), e il conseguimento del PhD. In seguito lavora come post-doc, prima, e poi come docente di linguistica italiana, alla Rijksuniversiteit Groningen. Per anni è stato ricercatore associato all´Università di Amsterdam. Attualmente insegna latino in un liceo olandese.
Oltre a vari articoli ha pubblicato i seguenti libri: The Phonology of Campidanian Sardinian. A unitary account of a self-organising structure, NOR, Ghilarza(2012); Una normalizzazione democratica della lingua sarda. Norme per la convivenza pacifica delle varietà del sardo, Condaghes, Cagliari (2002); Sardegna fra tante lingue. Il contatto linguistico in Sardegna dal Medioevo ad oggi, con W.H. Heeringa, Condaghes, Cagliari (2005); La limba sarda comuna e le varietà tradizionali del sardo, Regione Autonoma della Sardegna-Grafica del Parteolla, Cagliari/Dolianova (2007/2013). Ha inoltre curato l´edizione delle seguenti raccolte di atti: La lingua sarda: l´identità socio-culturale della Sardegna nel prossimo millennio, con K. Helsloot, Condaghes, Cagliari (1999); Le convergenze parallele. Colmare il divario tra la linguistica accademica e la tutela delle lingue, Condaghes, Cagliari (2007).