Serra

Le identità linguistiche dei sardi

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Le identità linguistiche dei sardi
ISBN
978-88-7356-225-2
Co-editzione
-
Genia
Sagìstica
Matèria
Filologia e linguìstica
Collana
Aìnas
Annu editzione
2013
Logu editzione
Cagliari
Formadu
Pabìru
Pàginas
216
Rilegadura
Brossura cun alas e cosidura filu refe
Mannesa
170 x 240 cm
Pesu
555 g
N° volumi
1
Figuradu
Limba de publicatzione
Italianu
Limba originale
-
Testu a fronte
-
Incruidu
-
Iscolàsticu
No
Disponibilidade
In cumèrciu
Distributzione

20,00 €

L´identità linguistica presenta margini di definizione meno arbitrari rispetto all´identità generale di una persona. L´assunzione di una certa identità linguistica è determinata dalla decisione del parlante di usare una certa porzione del suo repertorio linguistico e rimane, quindi, il frutto di una decisione individuale.
In una comunità multilingue, come quella sarda, l´impiego di una o dell´altra lingua disponibile per l´interazione linguistica non dipende dal caso, ma è frutto di una scelta non necessariamente cosciente. Adottando una lingua si adotta anche l´identità linguistica e un ruolo sociale a essa - in un modo o nell´altro - collegata.
Le identità linguistiche dei sardi presenta una ricerca sul rapporto che i sardi hanno con le varie lingue usate nell´isola, ma anche sul rapporto che le varietà del sardo hanno tra di loro e con la LSC. Il titolo parla di ´identità´, al plurale, perché l´identità - linguistica e non - non è una condizione statica, ottenuta una volta per tutte, ma il risultato del nostro agire pratico. I sardi hanno a loro disposizione un repertorio linguistico che normalmente comprende varie forme dell´italiano (da quello standard a quello regionale) e varie forme del sardo, con il dialetto locale che padroneggia attivamente e le altre varietà passivamente. Linguisticamente, allora, un sardo assume l´identità che corrisponde alla lingua che usa in quella data situazione di interazione linguistica a cui partecipa. Si è linguisticamente sardi quando si usa il sardo, sia attivamente che passivamente, per comunicare. Se invece usiamo l´italiano (di Sardegna), assumiamo un´identità linguistica italiana (periferica).
Non esiste quindi un´identità linguistica indipendente dalla pratica linguistica e, di conseguenza, non esiste un´unica identità, ma tutte quelle che assumiamo quando decidiamo di usare lingue differenti in interazioni differenti. Rispetto al rapporto con le altre varietà del sardo, si può dire che un parlante assume un´identità sarda quando usa la sua varietà con parlanti di altre aree dialettali, mentre ne assume una, per esempio, ´campidanese´ se si limita a usare la sua varietà con i parlanti della stessa area.
Roberto Bolognesi

Roberto Bolognesi (1952-)

Roberto Bolognesi est nàschidu in su 1952 in Biddamassàrgia (CA). S´est laureadu in su 1992 in Limba e literadura italiana e Linguìstica generale a s´Universidade de Amsterdam. In su 1993 traballat pro s´istitutu de chirca olandesu (NWO) e in su 1998 si leat su tìtulu de PhD cun una tesi a pitzus de sa fonologia de su sardu campidanesu de Sestu. Che linguista at traballadu pro sas Universidades de Groninga e de Amsterdam. Est istadu membru de duas cummissiones iscientìficas de sa Regione Autònoma de sa Sardigna pro sa definitziones de sas regulas ortogràficas de sa limba sarda. At publicadu vàrios sàgios e artìculos e àteras tres monografias: Una normalizzazione democratica della lingua sarda unificata. Norme per la convivenza pacifica delle varietà del sardo(Condaghes, 2002); Sardegna fra tante lingue. Il contatto linguistico in Sardegna dal Medioevo ad oggi (Condaghes, 2005; impare cun W.J. Heeringa); La Limba Sarda Comuna e le varietà tradizionali del sardo (RAS, 2007). At curadu sa tradutzione de Sardinian Syntax de Michael A. Jones in italianu e sos atos de duos cunvegnos internatzionales: La lingua sarda: L´identità socio-culturale della Sardegna nel prossimo millennio, Cuartu Sant´Aleni, 1999; Le convergenze parallele. Colmare il divario tra la linguistica accademica e la tutela delle lingue, Paulle, 2007.