Chiudi

Su sirboni de su dimoniu

(Il cinghiale del diavolo)

Di Emilio Lussu

Traduzione a cura di Matteo Porru

Prefazione di Matteo Porru

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
Su sirboni de su dimoniu
ISBN
978-88-7356-015-9
Co-edizione
-
Genere
Narrativa
Materia
Testi letterari classici (riferiti a tutte le epoche)
Collana
Paberiles n° 13
Anno edizione
2003
Luogo edizione
Cagliari
Supporto
Cartaceo
Pagine
80
Rilegatura
Brossura con lembi e cucitura filo refe
Dimensioni
12 x 17 cm
Peso
85 g
N° volumi
1
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Sardo
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione

5,00 €

Uno dei più belli e intensi scritti di Emilio Lussu viene qui tradotto in sardo campidanese da Matteo Porru.
Uno dei più belli e intensi scritti di Emilio Lussu viene qui tradotto in sardo campidanese da Matteo Porru. ´Unu contu scrittu asuba de sa cassa chi si faiat unu tempus in Armungia, candu sa cassa in una bidda beniat primu de donnia atera cosa e fiat una festa de tottu sa comunidadi´.
Emilio Lussu

Emilio Lussu (1890-1975)

Emilio Lussu, grande uomo politico e scrittore sardo, nacque nella regione del Gerrei nel 1890. Più tardi frequentò il Liceo di Lanusei e intraprese gli studi di Legge, conseguendo la laurea a Cagliari. Scoppiato il primo conflitto mondiale, si arruolò volontario nella Brigata Sassari, distinguendosi per il suo valore e, al termine della guerra, fondò il Partito Sardo d´Azione. In pieno fascismo, fu condannato al confino e mandato a Lipari da cui scappò per giungere in Francia dove fondò il movimento antifascista Giustizia e libertà. Una grave malattia respiratoria lo costrinse ad una lunga convalescenza, durante la quale scrisse due opere significative della sua produzione: Marcia su Roma e dintorni e Un anno sull´altipiano.
Lussu fece ritorno in Italia dopo la caduta del fascismo, fu uno dei capi della CLN e fece parte di governi Parri e De Gasperi, fu eletto senatore nel 1948 e rimase in carica fino al 1968, allorché si ritirò dalla politica. Emilio Lussu si spense a Roma nel 1975. È tuttora ricordato come uno dei più grandi esponenti della politica non solo sarda, bensì nazionale.

Bibliografia

- La catena, Parigi, 1929

- Marcia su Roma e dintorni, Parigi, 1932

- Un anno sull´Altipiano, Parigi, 1938

-Il cinghiale del diavolo e altri scritti sulla Sardegna, Torino, 1976

-Su sirboni de su dimoniu: unu contu de cassa e de magia, Cagliari, 2003

-La difesa di Roma, Cagliari, 1987

Joyce Lussu, Emilio Lussu, Alba rossa, Ancona, 1991